Oggensioni #4

Etichette: ,

Reazioni: 

Le strisce pedonali

Se avete in programma l’acquisto di strisce pedonali, tenete presente che non ci sono spedizionieri disposti a portarvele. L’Italia è un paese molto arretrato nella diffusione domestica delle strisce pedonali, e poche società di consegne espresse investono nelle particolari metodologie di trasporto che esse richiedono. È necessario rivolgersi direttamente a determinate aziende produttrici di strisce pedonali in grado di occuparsene, la maggior parte delle quali si trova nella east-coast degli Stati Uniti. Tutte facilmente raggiungibili se prima si guarda a destra e a sinistra.

Il mio amico Giampaolo, che faceva la striscia pedonale quando ancora certi mestieri li facevano le persone, mi ha consigliato di contattare la Crossindustries, azienda che si trova a Lowell, nel Massachusetts. Avrebbe potuto trovarsi a Lowell nel Maine, ma Massachusetts fa più ridere.
La cordialità degli impiegati della Crossindustries mi ha molto colpito, ma non riesco a convincere mia moglie a trascorrere lì le prossime vacanze.

Il signor Eddie Marshall, che si è occupato del mio acquisto, lavora alla Crossidustries dai tempi in cui non esistevano neanche i semafori pedonali. Descrive quell’epoca con commozione: “Le automobili non sfrecciavano incuranti sulle strisce minacciando l’incolumità dei passanti. Si rallentava e si cercava di far passare l’auto solo sulle parti non verniciate, per non sciupare le strisce (a quei tempi le cose dovevano durare a lungo e tutti lo sapevano bene). Quando ti capitava di tirare sotto qualcuno, perché magari avevi bevuto un bicchiere di troppo, per prima cosa ci si occupava di pulire le strisce pedonali con acqua tiepida leggermente saponata ed una spazzola a setole morbide. E se la persona investita finiva col morire, ti presentavi al suo funerale, e a volte capitava che i suoi familiari ti perdonassero e ti permettessero di investire qualche altro componente della famiglia”.

Il signor Marshall ha gestito l’ordine esclusivamente al telefono, senza obbligarmi a recarmi a Lowell di persona. Mi ha descritto interamente e con passione il processo di produzione ed io ho finto di essere interessato per puro amore verso le buone maniere. “Molte aziende – mi ha spiegato – non sono realmente produttrici di strisce pedonali. La maggior parte le dipingono sul posto e altre producono delle bande adesive da applicare sull’asfalto. Alcune aziende moderne, che blaterano continuamente di ecologia, riciclano vecchie strisce asportando fino a quindici metri quadri di asfalto spesso trenta centimetri e consegnandotelo a casa. Noi siamo gli unici che continuano a produrre vere strisce pedonali complete ed indipendenti”.

Ho acquistato per me un attraversamento pedonale realizzato sugli standard italiani, che prevedono strisce ed intervalli di 50 centimetri di larghezza. L’attraversamento è completo di sei strisce e cinque intervalli. Potendo spendere poco ho optato per un attraversamento da strada urbana di quartiere di lunghezza minima, ovvero 2 metri e mezzo. Ho però acquistato anche un attraversamento ciclabile da regalare a mio padre per Natale, spendendo in tutto solo seimila euro.

In molti si chiedono se io abbia seimila euro da spendere per delle strisce pedonali, compreso l’ufficio contabilità della Crossindustries che continua a lasciarmi messaggi in segreteria.

Le strisce pedonali sono un oggetto indispensabile per tutti coloro che soffrono di atteggiamenti ossessivo-compulsivi (attraversare le strisce è una valida alternativa al camminare mettendo i piedi nelle mattonelle senza sfiorare i bordi), per le anziane con un nipote nei boy-scout e per i boy-scout con una nonna che non esce mai di casa.

Un’idea regalo originale che potrebbe incrementare la vostra popolarità fra i vostri amici, se solo ne aveste qualcuno.

gabbbbro

Tu sei un genio.

D'accordo con il tamburino.

:°)

View Comments